DÜ ÖCC DE BON – Poesia per Bill di Gianni Delorenzi

dü öcc de bon
ma lu quel omferme
in di so posizion
ferme
se al gh’eva reson
ferme
fin che al gh’eva reson

i cojon i s’ da dintende
de cor innanze e indre
per lor tütt dipende
da come tira or vente
sempro coi stess dence
i rid da delinquente

basim or cü
brütt fasc de cucu
cifui da menta
ladre chi s’lamenta
mi som on operari
e lavor a tücc i orari

lavor per mi e j’altre
per i povre
i meno fortünè
chi che jè in gir a pè
chi chi jà perdü anca ra cà
chi chi ries piü gnanca a pregà

gira i machin in di rotonde
gira i sögn intorno ar monde
‘ndem innanze coi sögn sognè
da chi che jè nai e da chi chi ghè

i sögn da quel galantom
bon da sta in di so posizion
con dü öcc de bon

Scritto da Gianni Delorenzi, Vacallo la sera del 15 febbraio 2010 in un dialetto dell’alta Capriasca che ancora si parlava quando era bambino e che forse qualcuno ancora un po’ così canta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *